LUCERTOLE

Lacertidi (lucertole)

 

Lacertidi o Lucertole sono rettili ben conformati con arti perfettamente sviluppati. Il loro corpo è allungato e cilindrico, la testa ben distinta dal collo, la coda lunghissima, sottile e fragile; i piedi sono muniti di cinque dita, la membrana del timpano è visibile esternamente, le palpebre sono ben sviluppate e quasi sempre mobili, la testa è coperta di scudi poligonali mentre i lati del collo e il dorso sono rivestiti di scaglie granulose. Tutti i lacertidi appartengono al continente antico, e sono rappresentati in Europa da numerose specie. Questi sauri prediligono le falde delle colline soleggiate, le muraglie, i mucchi di sassi, le radici, i tronchi degli alberi cavi, le siepi, le macchie a basso fusto e luoghi simili. Sono soliti scavare una buca oppure si impadroniscono dei fori naturali del suolo e dalla loro dimora si allontanano assai di rado: essa, comunque, costituisce il centro del loro distretto a cui sono straordinariamente affezionati. In autunno le lucertole si ritirano nei rifugi invernali dove rimangono sino alla primavera. Tutti i lacertidi sono rettili mobili, vivaci, relativamente intelligenti e dotati di sensi sviluppati. Appaiono veloci nella corsa, abili nell'arrampicarsi e in caso di bisogno nuotano senza difficoltà. Lo sviluppo dei sensi eguaglia nei lacertidi l'agilità degli arti. La vista è ottima e l'udito molto fine; inoltre l'abitudine a tastare gli oggetti con la lingua è indizio della loro sensitività tattile. Le lucertole sono animali predatori. Insidiano con accanimento insetti, ragni, lombrichi, chiocciole e aggrediscono persino i vertebrati minori; devastano i nidi e divorano le uova degli altri rettili. Hanno una grande predilezione per le larve della farina (Tenebrio molitor). Le prede che catturano devono essere vive. In genere, il maschio appare un poco più grosso della femmina, e dotato di colori molto più accesi. Ogni maschio si accoppia con più femmine e ogni femmina con più maschi. Le uova vengono deposte nella sabbia o fra i sassi, in luoghi soleggiati, oppure nel muschio, nei formicai o in altre buche del terreno. I piccoli sgusciano nel cuore dell'estate e sono subito vivaci e mobili quanto gli adulti; mutano la pelle durante il primo autunno e vanno alla ricerca di un ricovero adatto al letargo invernale quando sopraggiunge la stagione fredda. Gli individui adulti mutano la pelle più volte nel corso dell'estate. Le innocue lucertole vengono minacciate da numerosi nemici: vi sono specie di serpenti che si cibano quasi esclusivamente con esse. Questi sauri si rendono utili distruggendo una grande quantità di animaletti nocivi e vanno dunque protetti.