MONITORAGGIO SPECIFICO PER ZANZARE DEL VERDE PUBBLICO

Verde pubblico, spazi aperti per la collettività sono sempre assediati da questi insetti che oltre ad essere insidiosi, fastidiosi e pungenti diffondono diverse malattie.

Importante strategia per una sicura sorveglianza sanitaria è:


MONITORAGGIO PER PREVENIRE


Permette di valutare la tendenza e la densità delle popolazioni di zanzare presenti sul territorio. Gli esiti trascritti su apposite schede report vengono archiviati ed elaborati per poter pianificare il numero di interventi da eseguire per ogni singola area trattata, onde evitare inutili dispersioni di biocidi nell’ambiente. Tempestivamente necessarie queste operazioni nel pos intervento permettono di valutare il buon esito dei trattamenti.


METODOLOGIE

TRAPPOLE A Co2

Riproduce gli stessi stimoli originali della respirazione e dell’odore corporeo convertendo il gas propano-butano in calore, umidità ed anidride carbonica (Co2), elementi che, emessi dagli esseri umani, notoriamente attraggono le zanzare. Queste apparecchiature sono munite di cartucce attrattive che, rilasciando una speciale fragranza combinata alla Co2, crea un’attrazione irresistibile per le zanzare che vengono trattenute in apposite vaschette collanti.

OVI TRAPPOLE

(Test a campione per aedes albopictus “zanzare tigre”, sorvegliata speciale)

Uno strumento in grado di dare più informazioni sulla dinamica di sviluppo sulla popolazione della zanzara tigre causa di gravi malattie come la chikungunya. La rilevazione si basa sul numero di uova depositate su apposite listelle di masonite semi immerse nell’acqua in contenitori neri. La zanzare tigre in cerca di ristagni d’acqua ove riporre le uova, trova in queste ovi trappole il rifugio ideale per la deposizione sui listelli in prossimità del bordo dell’acqua.

SCOPO DEL TEST

Prevede una raccolta dati su apposite schede per avere una accurata analisi e stima sulla distribuzione del territorio per un piano di controllo integrato e una adeguata azione di sorveglianza:

  • Miglioramento della situazione igienico ambientale
  • Eliminazione ristagni di umidità di strutture in legno a causa di perdite d’acqua ed eventuali riparazioni
  • Chiusura di crepe anfratti nelle infrastrutture
  • Livellamento mucchietti di terra di riporto
  • Ricerca e disinfestazione di eventuali piante infestate da insetti che producono melate (afidi, metcalfa, ecc..)